Feste e Sagre: Festa della pizza fritta – Sordina (20/07/2018)


Quello di Sordina con la pizza fritta è un appuntamento estivo, a cadenza annuale, a cui chiunque dovrebbe prendere parte. La sagra si svolge presso il largo alle spalle della Chiesa di San Matteo, in Via Matteo Lecce, a cui si accede tramite un cancello adiacente al plesso pocanzi menzionato, ove sarete accolti dallo staff preposto al ricevimento degli astanti la manifestazione. Una volta imboccato il cancello, una piccola salita vi condurrà al piazzale dove si svolge la festa, dove, sulla vostra sinistra, troverete gli stand e la cassa presso cui vi potrete munire di scontrino per ritirare le delizie offerte dalla Associazione Sorrisi Sparsi cui fa capo la parrocchia di San Matteo, e sul fondo una serie di tavoli su cui consumare il proprio pasto.

Il servizio è molto veloce, nonostante debbano essere comunque rispettati i tempi di cottura delle pietanze: per cui, il nostro consiglio, è quello di recarvisi in prima serata per poter giovare di un servizio ancora più veloce e di un comodo posto a sedere su cui consumare il vostro pasto.

 

Seguiterà ora un elenco delle leccornie che potrete gustare durante il periodo di permanenza della sagra:

  • Pizza fritta con pomodoro e parmigiano: € 2,00
  • Calzone con mozzarella e pepe: € 2,00
  • Calzone con scarola: € 2,00
  • Pasta (fusilli al sugo): € 4,00
  • Panino (salsiccia o costatella con contorno a scelta fra: patatine, melanzane grigliate, zucchine gritliate o melanzane a funghetto): € 3,50
  • Cuoppo (frittelle di alghe e frittelle di peperoni): € 2,00
  • Patatine: € 1,50
  • Zeppola (Graffa): € 1,20
  • Vino e percoca: € 1,50
  • Acqua: € 0,50
  • Coca-Cola in lattina: € 1,50
  • Birra in lattina: € 1,50
  • Bicchiere di vino: 0,50

La pizza fritta: una breve storia pratica

Ma partiamo proprio col parlare della protagonista assoluta della festa: la regina, la pizza fritta, chimata anche montanara , in virtù del fatto ch essa venne elaborata sulla base del classico pasto dei contadini napoletani che discendevano o abitavano sulle montagne, lontani dal mare; ossia: pane, pomodoro, formaggio, e basilico, così come ci informa Antonio Valeriani, in manuale di cucina tradizionale del 1600. La pietanza, poi, venne resa celebre dalla splendida figura di ‘Donna’ Sophia Loren, nelle vesti di Sofia la pizzaiola, che la preparò per la prima volta nel film di Vittorio De Sica L’oro di Napoli, del 1954, con degli straordinari Totò ed Eduardo De Filippo.

L'oro di Napoli (1954)
Fotogramma dal film ‘L’oro di Napoli’, del 1954

Eppure, non è possibile parlare propriamente di pizza, quando ci si riferisce a tale, saporito, artificio culinario col nome, oramai, ben noto al grande pubblico, bensì di pasta cresciuta, data la sua caratteristica più evidente: quella di essere vuota al proprio interno, e di non avere alcun tipo di farcitura.

Solo un velo di salsa di pomodoro, una grattugiata di parmigiano stagionato ed una foglia di basilico: ed avrete ottenuto uno dei più straordinari poemi ermetici della tradizione partenopea.

Sagra della pizza fritta - Sordina (20/07/2018)
La meravigliosa pizza fritta di Sordina

La sagra e le sue leccornie

Ma la sagra non offre soltanto la meravigliosa pizza fritta, che noi abbiamo trovato straordinariamente fragrante e succulenta, il cui impasto morbido e dorato costituisce una preziosa alcova per il sugo di pomodoro fresco, il parmigiano e il basilico, ma anche un profumatissimo e ricco calzone fritto con mozzarella e pepe:

 

A questi, si aggiungono anche un succulento piatto di fusilli al ragù di carne dritti dalla tradizione culinaria cilentana, sontuoso e saporito…

Sagra della pizza fritta - Sordina (20/07/2018)
Fusilli al ragù di carne di manzo

… e un cuoppo di frittelle di pasta cresciuta con alghe e peperoni: croccanti all’esterno e morbide e roventi all’interno: perfette.

Quelle ai peperoni hanno vinto con ampio margine su quelle alle alghe!

Sagra della pizza fritta - Sordina (20/07/2018)
Frittelle di pasta cresciuta con alghe e peperoni

Abbiamo concluso il nosto pasto con una soffice e fragrante zeppola e un bicchiere di vino con le percoche: come sempre, un must have laddove sia possibile acquistarlo.

Sagra della pizza fritta - Sordina (20/07/2018)
La soffice e fragrante zeppola fritta

Il nostro consiglio è quello di recarvi alla sagra in compagnia, in modo da poter condividere queste tanto semplici quanto incredibili pietanze con coloro che amiamo, perché possiate gioire insieme dei piaceri che la cucina tradizionale campana può offrire. Noi lo abbiamo fatto, e ci siamo davvero divertiti!

 

Nella speranza di aver saputo stuzzicare il vostro interesse nel partecipare alla prossima edizione della festa, auguriamo a tutti voi di gioire sempre, come noi, dei piaceri del palato in ogni istante della vostra vita.

Un saluto a tutti e un abbraccio da Gaetano&Teresa di:

cucchiaionero

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: